Everybody needs a place to think (da qui e altrove)

 

Sonorizzare le stanze del Museo Internazionale della Musica riportando al suo interno la presenza degli alberi monumentali della città, attraverso i loro suoni. Introdurre i visitatori del museo ad una “visita guidata” all’ascolto.
Le performers sono nello stesso tempo guide/interpreti/traduttori dell’ascolto del silenzio: lo stesso silenzio che accompagna la percezione dei suoni degli alberi.
Un percorso libero all’interno di un “museo preparato”, luogo come strumento e strumenti per una diversa possibilità di attraversamento dei suoi spazi.
Everybody needs a place to think (da qui e altrove) è una propagazione di Everybody needs a place to think.

 

Sonorise the rooms at the International Museum of Music, bringing inside the presence of centuries-old trees in the city, through their sounds. Introduce visitors to the museum to a “guided tour” to listening. The performers are at the same time guides / interpreters / translators of listening to the silence, the same silence that accompanies the perception of the sounds of the trees. It is a free path within a “prepared museum”, the place as an instrument and “instruments” for a different possibility of crossing of its spaces.
Everybody needs a place to think (da qui e altrove) is a propagation of Everybody needs a place to think.

.

Concept, Rita Correddu
Audio, Michele Braga
Performers, Francesca Burzacchini, Marta Ciappina e Laura Ulisse

.

.

ritacorreddu-museodellamusica-studio
ritacorreddu-museodellamusica1
ritacorreddu-museodellamusica2
ritacorreddu-museodellamusica

.CentoCage – Bologna rende omaggio a John Cage 1912 1992 2012, Museo Internazionale della Musica
Bologna, 10 luglio 2012

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: